perché VeneziaMuseo ?

La Venezia nota: il ponte di Rialto, la piazza San Marco, il Canal Grande.

E poi c’è tutta l’altra Venezia, quella interna, fatta di calli strettissime, di campi ariosi, di rii serpeggianti, di rive remote: quella che forma il gran corpo della città.

Una città sempre un poco segreta, anche a chi fra i veneziani l’abbia in antica consuetudine. Una città che non si lascia comprendere intera neppure da chi ne abbia la labirintica topografia stampata nella testa o sotto la suola delle scarpe.

Una città che si è voluta fabbricare in mezzo all’acqua, su cento isolotti, separati l’un l’altro da centocinquanta canali, non può avere la forma organica di un’altra, fabbricata sul monte o sulla pianura, o sia pure, in riva ad un lago o al mare.

Nel realizzarla, i costruttori di Venezia hanno rifiutato tutti i modelli esistenti, essi hanno ascoltato solo i precetti delle maree, delle correnti, dei flussi e dei riflussi, delle fasi lunari, dei venti e della mutevole luce. Ecco perché quando si tenti di formulare quei precetti ed immaginare le prime case e poi le altre che si sono agglomerate con esse, fino a formare una città, questa città, allora si conclude inevitabilmente che Venezia è inafferrabile, appunto come la sua acqua natale, che sembra stagnare e invece non è mai ferma, mai la stessa, che attira senza posa i nostri occhi e il nostro cuore, quasi dovesse rivelarci il perché della vita, e intanto fugge via, limpida ed impenetrabile ad un tempo, silenziosa.

Lontani dalla folla e dai percorsi usuali, abbandonato ogni tentativo di dare razionale interpretazione a quell’estasi sottile che pure i sensi percepiscono così bene, ci si sente appagati nel cogliere la travolgente bellezza dell’aspetto esterno di ciò che ci circonda: un piccolo ponte, una fondamenta, una nobile Ca’ con i mattoni rosso ed ocra, il cielo azzurro intenso … senza una nuvola.

Altra Venezia, altra bellezza.


do siéle de venexianità, prima che fassa scuro …

aggiornamento scheda archivio: 21 novembre 2015

call slip updaiting

Chiesa di San Biasio ai forni  nextpage.gif

Church of San Biasio 

 


 

Navigazione.

Una navigazione efficace nel sito richiede la conoscenza minima di alcuni rudimenti di dialetto veneziano.

Non si tratta di xenofobia o provincialismo, o altro (Dio me ne scampi), semplicemente è il voler mantenere nel WEB un idioma (da alcuni chiamato, forse esageratamente, Lingua) che nel medioevo era compreso e parlato in tutta l'area del Mediterraneo.

Le chiavi di ricerca, al momento, sono due, e la scelta dell'una o dell'altra dipende dalla conoscenza sull'argomento che si ricerca (consultazione) oppure che si sa esistere ma del quale ne è ignota la collocazione (ricerca).

·    se già è noto dove sia collocata l'informazione di cui si ha bisogno; scegli la Terra, e poi successivamente il Sestier ed infine la Contrada.

·    all'interno di ogni Contrada si trova un elenco degli argomenti in essa trattati, che possono variare.

·    se è del tutto ignota la collocazione dell'argomento rispetto alla città, allora scegliere un tema specifico fra quelli attualmente a disposizione nel menù (Arti & Schole, Santi & Ciexe, La sarìa curiosa ...).

Per agevolare l'individuazione dell'informazione su una qualunque mappa di Venezia, ogni scheda ha riportato il riferimento al Sestier, alla Contrada ed infine il nizioleto ossia il nome della calle, del campiello, del campo o della fondamenta.  Non stupitevi se a volte vi capiterà che il nizioleto riportato nella scheda non coincida affatto con quello effettivo che incontrerete.

Per quanto vi potrà sembrare assurdo, poiché le insegne stanno subendo un devastante italianismo di ritorno, il nizioleto errato è purtroppo quello dipinto sul muro.

 

Leone.jpge-mail: cesareperis@gmail.com Leone.jpgVENEZIA

 

VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA

VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA VENEZIA

VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA VENEXIA